mercoledì 21 aprile 2010

Lezione di cucina del 19 aprile 2010


Sono ormai 3 anni che a Kokura, in provincia di Fukuoka, il terzo lunedì del mese facciamo la lezione mensile di cucina casalinga italiana. L'abbiamo fatta anche il 19 aprile scorso.
I preparativi, come al solito, sono iniziati alle 12:50. La lezione è sempre dalle 13:30 alle 16:00 circa.

Eravamo in 12, 10 donne e 2 uomini, anche se gli iscritti sono 20.

Da questo mese, nel menu ci saranno ricette regionali italiane, anche se dovremo adattarci con gli ingredienti e le attrezzature.

Menu
- Pizzoccheri della Valtellina
- Salsiccia calabrese
- Schiacciata toscana
- Insalata di rucola
- Panini al latte


Pizzoccheri della Valtellina

150 gr di farina di grano saraceno
30 gr di farina bianca
70 gr circa d'acqua
3-4 piante di spinaci
2 patata (circa 180 gr)
20 gr di burro
1 cucchiaio di olio evo
aglio, salvia
sale e pepe
4 sottilette
30 gr di formaggio Gouda

Mescolare le due farine e fare i pizzoccheri. Tagliare i formaggi a tocchetti.
In una padella capiente far soffriggere burro, olio, aglio e salvia.
Far bollire le patata tagliata a tocchetti, quando sembrano cotte, aggiungere gli spinaci in pezzi da 6-7 cm, e dopo un poco i pizzoccheri.
Scolare il tutto e versare nella padella del burro. Unire i formaggi a pezzi .
Mescolare, una grattata di pepe e servire subito.


Salsiccia calabrese

250 gr di carne di maiale
50 gr di manzo
sale, peperoncino, semi di finocchio
1 spicchio d'aglio
2 cucchiai di olio evo
100 cc di vini bianco

Tritare con il coltellaccio la carne, unire sale, peperoncino e semi di finocchio.
Mescolare bene e formare le salsicce. Conservare in frigo sino al momento della cottura.
In una padella soffriggere l'aglio con l'olio evo, aggiungere la salsiccia e farla cuocere da tutti i lati.
Sfumare con vino bianco. Servire con verdure bollite o insalata verde.
Nel nostro caso rucola del mio giardino, condita con olio evo e sale.
Insieme c'è uno dei miei panini al latte che ho portato alla lezione.


Schiacciata toscana

2 uova
120 gr di zucchero
130 gr di farina
70 cc di latte
30 gr di olio evo
1 arancia (succo e buccia grattugiata)
1/2 bustina di lievito per dolci
un pizzico di sale
Zucchero a velo per spolverare

Sbattere le uova con lo zucchero, unire l'arancia spremuta e la buccia grattugiata.
Aggiungere l'olio, il latte ed il sale e, continuando a mescolare, unire farina e lievito.
Coprire con carta forno una teglia, versare il composto ed infornare a 170°C per 25-30 minuti.
Appena freddo, spolverare con zucchero a velo.

Piccolo reportage di foto della lezione di cucina!

Questa volta sono stata molto occupata e non sono riuscita a fotogravare i vari momenti della preparazione.
Di fronte al tavolo dove lavoro io ci sono due tavoli silla destra e due sulla sinistra.
Questo è il primo tavolo alla mia sinistra.

Questo è il primo tavolo a destra.
Per mangiare, eravamo 4 persone per ogni tavolo

Mentre questo è il tavolo principale della lezione, con me e Nobuko c'era i due ometti della lezione ^-^.
Come al solito, ci siamo divertiti a preparare e a mangiare.

martedì 6 aprile 2010

Anche quest'anno "Sakura matsuri"


Siamo ancora nel periodo della fioritura dei sakura (ciliegi da fiore).
Qui siamo a Tokyo, al "Naka-Meguro sakura matsuri" (Festa dei sakura di Naka-Meguro) del 5 aprile 2010.

Naka-Meguro si trova alla seconda fermata, partendo da Shibuya, della linea ferroviaria Tokyu Toyoko Sen. Ci si può arrivare anche con la Tokyo Metro
.
Questa foto l'ho scattata dalla banchina della stazione.

La caratteristica di questo posto è che le file di sakura costeggiano le due rive di Meguro gawa (il fiume Meguro) e formano un tunnel di fiori bianchi.

I fiori di sakura sono molto amati dai giapponesi, c'è tanta gente che si sofferma ad ammirarli e a fotografarli

La temperatura era abbastanza bassa, ma la gente non se ne faceva un problema, erano lì per mangiucchiare qualcuna delle tantissime leccornie vendute sui banchetti ai bordi del fiume, ma anche per ammirare e fotografare i sakura.

I rami si protendono sul fiume quasi a voler abbracciare i rami degli alberi dell'altra riva

Il pieno della fioritura era stato alcuni giorni prima, ma la festa, come sempre, si è svolta sabato e domenica.

Infatti iniziano a spuntare le prime foglioline verdi che contrastano con il vaporoso colore dei fiori.
Ed anche i petali, aiutati da una dolce brezzolina, iniziano a cadere ed a riempire la superficie dell'acqua del fiume.

Il fiume, all'altezza del centro abitato, non è che un canale con alte mura

I due lati del fiume sono adornati da variopinte lanterne colorate e con tante scritte che indicano il nome degli sponsor della festa e il nome del fiume.

Nonostante tutto il caos creato dalla gente che passa, c'è chi fa pic-nic ai bordi del fiume.

I petali dei sakura, svolazzando allegramente, si sono andati a posare sulla macchina parcheggiata in riva al fiume.

Queste due belle bambine cercavano di attirare l'attenzione dei passanti nel posto di ristoro gestito da conoscenti o parenti.
E' una festa essenziale per la gente di questa nazione!

Amici Blogger

Quanti mi vedono

  • Pensieri:
  • Incontri:

-Tempo in Giappone-
Pagine

*** Home ***




Registra il tuo sito nei motori di ricerca Aggregatore Il Bloggatore - Cucina Classifica blog di cucina e ricette Ricette di cucina Top blogs di ricette

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. L'Autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'Autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Alcune delle foto presenti su questo blog sono state reperite in internet: chi ritenesse danneggiati i suoi diritti d'autore puo' contattarmi per chiederne la rimozione