martedì 18 novembre 2008

Lezione di cucina del 17 novembre

Il menu è stato
- Eliche (o fusilli) al rosmarino
- Bocconcini di melanzane
- Dolce di ricotta
*******
Il mio lavoro non ha attinenza con la cucina.
Ma, essendo italiana, l'anno scorso mi è stato chiesto
se ero interessata a fare delle lezioni di cucina italiana,
ho accettato con entusiasmo.
Ecco perché
a Kokura, in provincia di Fukuoka,
come ogni terzo lunedì del mese,
anche il 17 novembre '08 dalle 13:30 alle 16:00
ho fatto la mia lezione di cucina italiana.


Eravamo in 13. Qui erano tutte intenti a preparare


Mentre qui erano in corso i preparativi per apparecchiare
e, finalmente, mangiare!!!
Eliche (o fusilli) al rosmarino
250 gr di eliche (o fusilli)
200 gr di pomodori 
40 gr di pancetta 
rosmarino q.b.
1 spicchio d’aglio 
parmigiano q.b. 
1 cucchiaio di olio evo
peperoncino,
sale
Tagliare a dadini la pancetta, sbucciare l’aglio
e schiacciarlo. Rosolare nell’olio l’aglio e il peperoncino.
Unire la pancetta e gli aghi di rosmarino e,
quindi, i pomodori. Salare e cuocere per 15 minuti circa.
Far bollire le eliche e condire con la salsa ed il parmigiano,
mescolare e mangiare subito.


Bocconcini di melanzane
1 melanzana
1 uovo 
pangrattato e farina q.b. 
sale e pepe q.b.
burro q.b.
Sbattere l’uovo con un po’ di pepe e sale. 
Sbucciare la melanzana ed affettarla (5-6mm).  
Infarinarle e formare i bocconcini mettendo del formaggio
fra due fette di melanzane.  
Passare prima nell’uovo e poi nel pangrattato.
Allinearle nella teglia coperta da carta da forno.
Mettere dei fiocchetti di burro sopra.
Far cuocere a 200C per 30 minuti circa.
Presentare con delle salsine a piacere,
noi abbiamo preparato del pesto di zucchina e menta.


Dolce di ricotta
1 uovo
85 gr di zucchero 
100 gr di ricotta 
45 gr di burro ammorbidito
125 gr di farina
un cucchiaino di lievito per dolci
30 gr di uva passa
******
Prima di tutto abbiamo fatto la ricotta
con la ricetta di Manuela:
1 lt. di latte ed il succo di un limone
unito almeno 3 ore prima.
Portare il latte ad ebollizione a fuoco dolce e togliere
il formaggio che si forma in superficie.
Farlo sgocciolare in un fuscello.
******
E quindi passiamo al dolce
In una coppa sbattere l’uovo e lo zucchero.
Aggiungere il burro ammorbidito e la ricotta.
Mescolare bene ed unire poco per volta la farina ed il lievito.
Amalgamare bene ed unire l’uva passa ammollata
e cosparsa di farina.
Mettere l’impasto in una teglia 175 x 45mm imburrata
ed infarinata, lisciare la superficie con una spatola.
Cuocere a 180C per 30-40 minuti circa.
********
Queste ricette le ho reperite in rete tantissimo tempo fa
e non so con precisione chi le aveva postate,
chiedo scusa se me ne sono appropriata senza consenso.
Posso solo dire che è stato tutto apprezzatissimo dalle signore.

sabato 15 novembre 2008

Trittico non d'autore

Gustoso e fresco antipasto:
Pomodorini in pinzimonio,
ricotta al pepe rosso e
cupoletta al bacon e pomodori secchi sott'olio
Ricetta modificata dei Pop-overs di Stefania
Cupoletta al bacon e pomodori secchi sott'olio
Preparazione delle cupolette
Ingredienti
60 gr farina 0
100 ml di latte
1 uovo
2 fette di bacon
1 cucchiaio di pomodori secchi sott'olio
1/2 cucchiaino di sale
1/2 cucchiaino di zucchero

Tagliare a quadretti il bacon e farlo sgrassare in padella senz'olio.
Mescolare gli ingredienti ed aggiungere il bacon ed i pomodori secchi sott'olio.
Versare il composto (circa 40-45 gr) in stampi per muffin,
coperti da pirottini di carta da forno.
(Con questi ingredienti ne vengono sei)

Infornare a 190C per 40 minuti.
Spegnere il forno e lasciare ancora 10 minuti.
Le cupolette sono vuote dentro.
Ma basta aggiungere al composto1/2 cucchiaino
di polvere lievitante istantanea e
l'interno sarà pieno e morbido.

Completano l'antipasto
Alcuni pomodorini gialli al pinzimonio
Ricotta
Ingredienti e preparazione
500 ml di latte, 2 cucchiai di aceto, 30 ml di acqua,
1/2 cucchiaino di sale.
Far bollire il latte e versarci dentro l'acqua con l'aceto ed il sale.
Far cuocere fino a quando si addensa,
raccogliere la ricotta e metterla a sgocciolare.
Io l'ho modellata con questa formina e cosparsa di pepe rosso.

giovedì 6 novembre 2008

Involtini di tofu & erbe aromatiche

Nel frigo, del tofu e della pancetta da consumare,
nel mio giardino tante erbe aromatiche esageratamente invadenti.
Unendo queste cose mi è venuto fuori questo stuzzichino per 2 persone
Involtini di tofu & erbe aromatiche
Ho fatto bollire per 5 minuti 100 gr circa di tofu tagliato in quattro.
Ho pulito e lavato delle foglie di menta, basilico, rucola selvatica e shiso.
Ho preparato 4 fette di pancetta.

*****

*****

Su ogni fetta di pancetta ho appoggiato un pezzo di tofu,
un tipo di erbe ed un pizzico di sale e ho chiuso l'involtino con due stuzzicadenti.
Ho fatto insaporire in una padella senza nessun condimento a fuoco basso.

Ho servito con una insalatina mista condita con pesto di rucola.

Da non credere .........quando si mette in funzione la fantasia.....
E a dire che dovevo solo smaltire della roba in scadenza.........

White Day (14 marzo)

Ad un mese esatto da San Valentino (Valentine's Day),
che ricorre il 14 febbraio, qui in Giappone c'e` White Day.

Il 14 febbraio, giorno di San Valentino, le giovani fanciulle sono indaffaratissime a preparare con le loro manine oppure a scegliere i cioccolatini piu` succulenti ed artistici da regalare al sesso forte a prescindere dal rapporto che intercorre tra le persone.

Le ragazze regalano agli amici, ai colleghi, ai superiori, ma anche ai parenti stretti di sesso maschile, queste dolcissime leccornie.

Logicamente, UN REGALO, il piu` importante, costoso e ricercato viene scelto con molta cura e regalato al proprio ragazzo.

Invece il 14 marzo White Day, sono gli uomini a comprare qualcosa da regalare a queste fanciulle, per ricambiare la gentilezza ricevuta.




Alle ragazze si possono regalare cioccolatini, biscotti, caramelle, ma anche indumenti intimi (dipende dal rapporto esistente tra i due).


Talvolta sono le mogli che comprano oppure preparano con le loro mani questi dolcini che il marito regalera` alle ragazze. Altre volte sono i mariti a voler scegliere personalmente questi regalini


Il commercio la fa da padrone in qualsiasi e qualsivoglia occasione

martedì 4 novembre 2008

Obento

Il nostro "OBENTO"
Una domenica io e mio marito siamo andati a vedere
una partita di calcio della squadra di Fukuoka "Avispa" che iniziava
alle 13:00 ed ho preparato obento da mangiare allo stadio
(qui si usa farlo)
Dentro obentobako (lunch box) ho messo onigiri con umeboshi,
con salmone e con piselli, pollo fritto, salmone e uovo sodo,
fragole, spaghetti, spinaci e pomodori e cetrioli.

Per questi onigiri con piselli, che ho fatto con una formina apposita,
ma si possono fare anche a mano, aiutandosi con della pellicola alimentare,

ingredienti & procedimento
150 gr di riso
200 ml di acqua
30 gr di piselli sbucciati
4 gr di sale
Ho lavato accuratamente il riso, fino a far diventare l'acqua limpida,
ho aggiunto l'acqua, i piselli ed il sale.
Ho messo il coperchio e su di esso un oggetto pesante
ed ho fatto cuocere a fuoco bassissimo per 35 minuti,
senza mai sollevare il coperchio.


Per questi onigiri con salmone

ingredienti & procedimento
Per il riso:
450 gr di riso
500 ml di acqua
Ho fatto cuocere con "suihanki" (pentola per cuocere il riso) per 40 minuti.
Per cottura in pentola su gas sono sufficienti 30-35 minuti.
Per il salmone
In una padella ricoperta da carta da forno ho fatto cuocere
le fette di salmone precedentemente salate,
ne ho sbriciolate tre e le ho mescolate con il riso.
Ho fatto gli onigiri come sempre, con formina o a mano.
Per questi onigiri con umeboshi

lo stesso riso in bianco usato prima,
ho messo al centro metà umeboshi ed un poco di shiso
(erba aromatica) ed ho fatto gli onigiri con la formina e a mano.
In una tazza ho messo un cucchiaino di sale e pochissima acqua
nella quale mi sono bagnata le mani
ed ho contenuto la forma di tutti e tre i tipi di onigiri.

Per il pollo fritto

Ho fatto insaporire, per due ore circa, il pollo con 2 cucchiai
di salsa di soya e 2 di sake, un rametto di rosmarino ed alcune foglie di lauro.
Ho strizzato il pollo, l'ho infarinato e fatto friggere in olio di semi,
l'ho fatto sgocciolare su carta assorbente.
Gli spinaci:
li ho lavati accuratamente, cotti nel microonde per 2 minuti,
strizzati e conditi con semi di sesamo e salsa di soya.

Dentro obento ci sono anche degli spaghetti avanzatici
dalla sera precedente, un uovo bollito, 2 fette di salmone, 2 fragole,
pomodori e cetrioli senza nessun condimento.

Per cuocere il riso:
l'ideale sarebbe usare suihanki, oppure questa pentola di coccio,
in ultimo la pentola d'acciaio con coperchio.


Questo è un obentobako adatto alle ragazze con allegate le bacchette

ma contiene poca roba
Questo è il nostro obento avvolto dentro "furoshiki"
(panno quadrato per avvolgere oggetti vari),
pronto per essere portato via e mangiato.
E' stato buonissimo

Azalea Japonica

In primavera, in Giappone, tutti gli spazi verdi
diventano di un colore vivacissimo, quando fiorisce
l' Azalea Japonica

A ben guardare è proprio l'azalea che conosciamo tutti,
ma io l'ho sempre vista nei vasi.
Molte volte da regalare alla mamma il giorno della sua festa.
Qui, in Giappone, la trovi anche nei posti più impensati
Per strada, in una strisciolina di terreno, attaccata al muro di un fabbricato.
In compagnia di biciclette parcheggiate fuori dai posti stabiliti


Nei parchi.
Gli alberi verdi che si intravedono sono sakura (ciliegio giapponese)

Anche nei tempi è pieno di questi stupendi fiori


Primo piano del protagonista di questo post.


Ci sono anche i bonsai di azalea, ho fatto delle foto con il cellulare a quelli che c'erano in un grande ospedale, ma sono venute mosse.
Ho trovato queste foto in rete
Le azalee sono belle, vero????

domenica 2 novembre 2008

Fette di ricciola (o seriola) impanate nel sesamo

al cartoccio con contorno di funghi trifolati




Ingredienti
2 fette di ricciola
un po' di semi di sesamo tostati
un cucchiaio di vino binco
prezzemolo q.b.
funghi polposi q.b.
1/2 cucchiaio d'olio
1 spicchio d'aglio
sale

La preparazione è molto semplice
Lavare ed asciugare le fette di ricciola, metterle
a macerare per un paio di ore in un cucchiaino di salsa di soya
ed uno di sake (oppure di vino bianco).
Sgocciolare bene il pesce e passarlo sui semi di sesamo tostati.
Mettere le fette in alluminio, un po' di prezzemolo,
sale ed irrorora con un cucchiaio di vino bianco.
Cuocere a 180C per 30 minuti e poi passare
al grill per far indorare il pesce.



Nel frattempo, affettare i funghi "Pleurotus eryngii"
(da Wikipedia Nomi comuni: Cardoncello, Carderello.
In Sicilia è noto come fungiu di panicaudu)
e metterli a stufare con un poco d'acqua, a fuoco basso e con il coperchio.
Far cuocere per 10 min. poi condire con un cucchiaio
d'olio evo, aglio, prezzemolo e sale.Far insaporire senza coperchio.

Impiattare e, volendo, si può mangiare con un po' di riso al vapore.
Io ci ho fato la scarpetta con il riso

Amici Blogger

Quanti mi vedono

  • Pensieri:
  • Incontri:

-Tempo in Giappone-
Pagine

*** Home ***




Registra il tuo sito nei motori di ricerca Aggregatore Il Bloggatore - Cucina Classifica blog di cucina e ricette Ricette di cucina Top blogs di ricette

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. L'Autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'Autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Alcune delle foto presenti su questo blog sono state reperite in internet: chi ritenesse danneggiati i suoi diritti d'autore puo' contattarmi per chiederne la rimozione