martedì 17 gennaio 2012

Lezione di cucina del 16 gennaio 2012


Come ogni terzo lunedì del mese, anche il 16 gennaio 2012, prima lezione dell'anno, in 9 (8 donne e 1 uomo), ci siamo ritrovati a Kokura, in provincia di Fukuoka, per il nostro solito appuntamento con la cucina casalinga italiana. Causa malanni di stagione ci sono state alcune assenze.
I preparativi sono iniziati alle 13:00 mentre la lezione è stata dalle 13:30 fino alle 16:30

Stiamo cercando di realizzare ricette regionali, anche se non sempre le attrezzature e gli ingredienti sono i più idonei. Questo mese un classico della cucina piemontese "La bagna cauda" (anche se il vero nome sembra che sia "Bagna caoda"), le buonissime "Pizzette" italiane ed i "Cantucci" toscani (la stessa ricetta della nostra cucina aperta di gennaio che, secondo me, è favolosa). Le altre sono state prese dal web e riadattate con gli ingrediendi reperibili.

Le quantità sono per 6 persone.

Menù
- Bagna cauda
- Pizzette
- Cantucci


Bagna cauda
Per la salsa 
  • 6 spicchi d’aglio
  • 12 filetti di acciughe sotto sale (home made) 
  • 50 gr di olio evo 
  • 4~5 cucchiai di latte 
  • Verdure preferite: sedano, carote, peperoni, broccoli, patate, cavolo, fagiolini, cardi, cetrioli, ecc. 
  • 3 uova sode 
Preparazione
Sbucciare gli spicchi d’aglio, tagliarli a metà e togliere la parte centrale che è la più indigesta, mettere in acqua e lasciare per 1 ora circa (le ho messe io sottosale ad agosto dello scorso anno, sono ottime). Asciugare l’aglio. Mettere in acqua e vino le acciughe per togliere il sale, lavarle bene, togliere la spina e spezzettare.

In una padella versare 30 gr di olio e soffriggere, a fuoco lentissimo, gli spicchi d’aglio grattugiati, devono restare chiari.
Aggiungere i filetti di acciughe tritati, la restante parte di olio evo e continuare a soffriggere sempre mescolando. Aggiungere il latte e spegnere il fuoco.

Lavare bene le verdure, rassodare le uova, cuocere al microonde i broccoli e le patate con la buccia, sbollentare i cardi e i fagiolini. Sgusciare e tagliare a spicchi le uova ed a bastoncini le verdure da mangiare crude.
Poco prima di mangiare, riscaldare la salsa (e se serve aggiungere altro olio), metterla in piccoli piatti e servire con le verdure e le uova. Inzupparle dentro la salsa e mangiare.


Pizzette
  • 250 gr farina debole
  • 130 gr di acqua
  • 4 gr di lievito secco
  • 20 gr di burro
  • 5 gr di zucchero
  • 1 cucchiaio d’olio evo
  • 4 gr di sale
  • Pomodori pelati, origano
  • Formaggio per pizza, olio e sale
Preparazione
In una ciotola unire farina, zucchero, olio, burro morbido, lievito. Aggiungere l'acqua in piccole quantità, impastando, ed a metà lavorazione aggiungere il sale. Fare un panetto e farlo lievitare, coperto, per 50~60 minuti.
Riprendere l’impasto e, senza reimpastarlo, dividere in 6 pezzi da 70 gr l’uno, stenderli con le mani.

Adagiare le pizze in una teglia coperta da carta forno. Spezzettare i pomodori pelati, unire il sale e mettere sulle pizze.
Infornarle a 220°C per circa 10 minuti, togliere dal forno ed aggiungere il formaggio per pizze, l'origano e qualche goccia di olio. Infornare nuovamente per altri 3~4 minuti.


Cantucci
  • 300 gr di farina  
  • 180 gr di zucchero 
  • 5 gr di lievito per dolci 
  • 2 uova  
  • succo di 1 limone buccia di 1 limone grattugiata 
  • 140 gr di mandorle  
  • 20 gr di pistacchi 
  • latte q.b.  
  • un poco di tuorlo per spennellare
  • zucchero semolato per spolverizzare 
Preparazione
Mescolare farina, zucchero, lievito e scorza di limone e impastare con le uova. Unire le mandorle e il succo del limone e continuare ad impastare. Se serve aggiungere un po' di latte. Dividere l’impasto in due pezzi ed allungarli sulla placca da forno coperta da carta forno Spennelare i due pezzi con un poco d'uovo sbattuto con poca acqua e spolverizzare con zucchero semolato. Cuocere in forno a 180°C per 15~20 minuti. Tagliare i pezzi in diagonale, formando i cantucci. Rimettere in forno per 20 minuti circ
a a 140°per farli asciugare.

**********************************************************************************************************************
Ed è ora di mangiare e poi rassettare!

Anche questa volta è stato gradito tutto, le piccole rimanenze sono state portate a casa da mostrare ai familiari. Ripeteranno nelle loro cucine quello che abbiamo fatto insieme.
Ho portato delle bucce di arancia amara polverizzate (aroma arancia) e le bucce di arancia candita ed ho spiegato loro come farle. Con la polpa delle arance amare avevo fatto un'ottima marmellata (ho usato lo stesso procedimento della marmellata di mandarini), ne ho portato un vasetto che hanno diviso equamente.
Ed alla fine bisogna lavare tutto e mettere a posto. Anche gli uomini collaborano volentieri a sbrigare le faccende domestiche :D

9 commenti:

  1. Un menù proprio di mio gradimento :) non saprei da dove iniziare!
    Complimenti alla tua bravura e dedizione cara Anna e a tutta la scuola! Baci

    RispondiElimina
  2. Sono tornato dall'Italia appena in tempo per gustare le tue ricette "scolastiche". In modo particolare apprezzo quella dei cantuccini.
    Un cordialissimo saluto.

    RispondiElimina
  3. Mamma che fame! sei eccezionale come insegnante e non ho dubbi che i tuoi allievi siano così entusiasti: ogni tua lezione è un viaggio non solo per le papille gustative! Buona domenica

    RispondiElimina
  4. Ma che bel blog che ho scoperto... Complimenti per le ricette!!
    Mi sono aggiunta ai tuoi followers di google friends... Se ti va passa a trovarmi, sei la benvenuta.
    LaMagicaZucca

    RispondiElimina
  5. Un menù golosissimo!! I giapponesi gradiscono la cucina italiana?

    RispondiElimina
  6. Grazie per la tua visita al mio blog!! Che bello il tuo blog e quante cose da imparare:-)bellissimo! bacione

    RispondiElimina
  7. Bellissime le ricette che proponi! Molte le ho riprovate a casa e sono sempre state molto gradite anche dal marito!
    Sai che da quando ho conosciuto il tuo blog ho cominciato a pensare che potrei fare come te, io sto vicino a Torino da 16 anni e potrei fare un giorno al mese una lezione di cucina giapponese anche se non è sempre facile trovare tutte le cose... ma se tu riesci in Giappone perchè io no in Italia?
    Grazie di questo e dell'altro blog bellissimo, mi fai sempre venire la nostalgia del Giappone come lo ricordo io da bambina quando stavo dalla mia nonna... molto più "mio" che le grandi città come Tokyo.
    Un sorriso! ^^

    RispondiElimina
  8. @ornella
    Grazie cara, i miei compagni di cucina sono veramente bravi :D

    @Elio
    Elio, tutti hanno gradito moltissimo anche la Bagna cauda e le pizzette. Abbiamo mangiato tutto di gusto.

    @Fabipasticcio
    Grazie Fabiana, queste lezioni sono molto belle perché è bella la gente che ci partecipa ;-)

    @LaMagicaZucca
    Grazie cara, vengo a trovarti di sicuro.

    @Solema
    Sì Solema, la gradiscono molto. Ed io gradisco molto la loro e siamo pari :D

    @happymama
    Grazie mille.

    @Michiyo
    Ciao e benvenuta, ti ho risposto nel tuo blog che è molto bello, ma voglio ringraziarti anche qui per la tua visita.
    Certo che puoi fare la lezione a Torino, se non trovi tutti gli ingredienti dovrai arrangiarti come faccio io ;-)

    Grazie a tutti per la vostra visita.
    Abbracci calorosi ;-)

    RispondiElimina
  9. Ciao Anna,grazie per la visita alla RiFatta del mese,mi unisco ai tuoi lettori fissi...ci sono tante ricette golose...un saluto Roberta !

    RispondiElimina

Grazie per la vostra attenzione. Ogni messaggio è una parte di ponte che si costruisce, facciamolo diventare robusto usando parole costruttive. Arigatou-gozaimasu!

Amici Blogger

Quanti mi vedono

  • Pensieri:
  • Incontri:

-Tempo in Giappone-
Pagine

*** Home ***




Registra il tuo sito nei motori di ricerca Aggregatore Il Bloggatore - Cucina Classifica blog di cucina e ricette Ricette di cucina Top blogs di ricette

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. L'Autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'Autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Alcune delle foto presenti su questo blog sono state reperite in internet: chi ritenesse danneggiati i suoi diritti d'autore puo' contattarmi per chiederne la rimozione