venerdì 25 marzo 2011

Lezione di cucina del 14 marzo 2011


Ogni terzo lunedì del mese facciamo la lezione mensile di cucina casalinga italiana a Kokura, in provincia di Fukuoka. Ma a marzo il terzo lunedì era un giorno festivo, per questo la lezione è stata anticipata al 14 marzo, secondo lunedì del mese.
I preparativi, come al solito, sono iniziati alle 12:50. La lezione è cominciata alle 13:30 ed è finita verso le 16:30.
Eravamo 9 donne e 1 uomo e come sempre ci siamo divertiti molto.

Stiamo cercando di realizzare ricette regionali, anche se non sempre le attrezzature e gli ingredienti sono i più idonei. Le quantità sono per 6 persone.

Menu

- Gnocchetti di semola con ceci
- Peperoni in agro
- Gnocco fritto


Gnocchetti di semola con ceci

250 gr di ceci secchi
2 spicchi d'aglio
1 costa di sedano
6~7 pomodorini
4 cucchiai d'olio evo
1/3 di cucchiaino di bicarbonato
sale e peperoncino
100 gr di semola rimacinata

La sera prima, lavare bene i ceci e metterli a mollo per tutta la notte in acqua tiepida con il bicarbonato.
Cambiare l'acqua e metterli a cuocere in abbondantissima acqua fredda con uno spicchio di aglio vestito.
Far cuocete per un'ora e mezza~due ore sintanto che i ceci sono ben cotti. Tenere da parte.
Soffriggere l'aglio nell'olio evo, unire il sedano tagliato grossolanamente ed i pomodori, precedentemente sbollentati e sbucciati. Aggiungere un paio di mestoli di acqua di cottura dei ceci, il peperoncino ed il sale e far cuocere per 10 minuti, il sedano deve diventare morbido, unire i ceci. Schiacciare con la forchetta una piccola parte di ceci.

Fare la fontana alla semola rimacinata, metterci dentro il sale e mezzo mestolo di acqua di cottura dei ceci ed altrettanta acqua.
Impastare bene, stendere dei cordoncini molto sottili, tagliare dei tocchetti di 7~8 mm ed incavarli con l'indice, formando gli gnocchetti. Infarinarli per non farli attaccare.

Cuocere gli gnocchetti in acqua salata, scolarli e mescolarli con i ceci ed il sughetto e con parte dell'acqua di cottura e farli insaporire, a fuoco lento, per qualche minuto.
Nel caso serve, aggiungere altra acqua di cottura.


Peperoni in agro

2 peperoni di diverso colore
1/4 di cipolla e 1 spicchio d'aglio
1 cucchiaino tra capperi e pinoli
2 cucchiai di pangrattato
1 cucchiaio di aceto di vino
olio evo, sale e pepe

Lavare ed asciugare i peperoni, tagliarli a quadretti.
Affettere la cipolla e sbucciare l'aglio e soffrigere con un cucciaio d'olio evo, unire i peperoni e salare leggermente.

Far cuocere per qualche minuto a fuoco medio, sfumare con l'aceto. Unire i capperi ed i pinoli.
In una padella tostare il pangrattato con un filo d'olio evo, salare e pepare ed unire i peperoni e mescolare.
Servire sia caldi che freddi.


Gnocco fritto

200 gr di farina
10 gr di strutto
2 gr di lievito liofilizzato
100 gr di latte
1/2 uovo
poco aroma arancia
4 gr di sale

Al centro della farina sciogliere il lievito con il latte ed aggiungere man mano la farina, l'uovo, il sale, l'aroma arancia e lo strutto. Impastare bene, coprire l'impasto con una ciotola e lasciar riposare per 30 minuti.

Stendere l'impasto e tagliare dei piccoli pezzi dalla forma desiderata. Disporli in una teglia rivestita da carta forno. coprire con pellicola e mettere in frigo a riposare.

Friggere a temperatura non molto alta. Far asciugare su carta da cucina.
Si mangiano con zucchero, o miele, o marmellata. Ma sono buoni anche con affettati, formaggio ed insalata.

**********************************************************************************************************************
Ed è ora di mangiare!






Ho portato i panini fatti con l'impasto del danubio e la mia marmellata di arance amare (stesso procedimento di quella di limone).
Vi lascio immaginare che fine hanno fatto queste cose ^-^!
Ho promesso di portare altra marmellata per tutti loro.
Prima della prossima lezione ne farò quanto basta per tutti loro, ho già chiesto alla vicina di casa, che ha un bellissimo albero di arance amare, di darmene un poco. Ha detto che posso prendere quelle che voglio, tanto ne farò anche alcuni vasetti per loro.

E' una classe di persone stupende, sono proprio felice di fare queste lezioni.

mercoledì 2 marzo 2011

Lezione di cucina del 21 febbraio 2011


Come facciamo ogni terzo lunedì del mese, anche il 21 febbraio 2011 abbiamo fatto la lezione mensile di cucina casalinga italiana a Kokura, in provincia di Fukuoka.
I preparativi, come al solito, sono iniziati alle 12:50. La lezione è cominciata alle 13:30 ed è finita verso le 16:30.
Eravamo 9 donne e 1 uomo e come sempre ci siamo divertiti molto.

Stiamo cercando di realizzare ricette regionali, anche se non sempre le attrezzature e gli ingredienti sono i più idonei. Le quantità sono per 6 persone.


Menu
- Maccheroni col ferro in salsa cremosa
- Sgombro in tortiera
- Nodini in padella


Maccheroni col ferro in salsa cremosa

200 gr di semola rimacinata
1 uovo
acqua tiepida qb
sale qb
1 zucchina o 1 melanzana
1 carota
30 gr di funghi
60 gr di panna
50 gr di formaggio cremoso
3~4 fette di pancetta
3 cucchiai di olio evo


Impastare semola, uovo, sale e, se necessario, acqua. Coprire l'impasto con una ciotola.

Con piccoli pezzi di impasto fare dei cordoncini lunghi 4 cm circa, avvolgerlo sul ferro e farlo scorrere avanti ed indietro sul tagliere. Cospargerli di farina per farli asciugare.

Pulire le verdure e tagliare a bastoncini le carote, a tocchetti la zucchina (o melanzana) e dividere i funghi, farle soffriggere nell'olio lasciandole croccanti. salare e mettere da parte.
Far sciogliere il formaggio cremoso con la panna ed un pizzico di sale, unire le verdure.
Tagliare a pezzi la pancetta e farla rosolare in una padella.
Cuocere i maccheroni in acqua salata, scolarli ed amalgamarli con la crema. Impiattare e guarnire con la pancetta.


Sgombro in tortiera

500 gr di sgombro
3 patate
semi di finocchio qb
1 cucchiaio di pangrattato
3 cucchiai d'olio evo
sale e pepe qb
pomodori qb
uno spicchio d'aglio

Far bollire le patate con la buccia per 20 minuti in acqua salata.

Pulire lo sgombro, togliere la lisca e le spine, tagliarlo a pezzi ed asciugarlo.
Mescolare i semi di finocchio, pangrattato, sale e pepe.
Versare un poco d'olio in una teglia, allineare le patate lesse tagliate a fette ed appoggiare sopra i pezzi di sgombro. Spolverizzare con il pangrattato. Aggiungere l'aglio grattugiato, alcuni pezzi di pomodoro e l'olio rimasto.
Cuocere in forno a 200°C per 15~20 minuti. E' buono sia caldo che freddo.


Nodini in padella

100 gr di farina
50 gr di acqua
2 gr di lievito liofilizzato
10 gr di olio evo
1 pizzico di sale
Per la salsa
20 gr di olio evo
1 spicchio d'aglio
prezzemolo tritato
1 peperoncino piccante

Mescolare gli ingredienti della salsa e mettere da parte.

Impastare gli ingredienti dei nodini e far lievitare per 30~40 minuti.
Tagliare dei piccoli pezzi d'impasto e fare un grissino lungo 15 cm circa e fare un nodo, lasciando il foro centrale molto largo.

Ungere con poco olio una padella antiaderente e farla riscaldare a fuoco medio, sistemare dentro i nodini un poco distanziati e mettere il coperchio. Cuocere per 3~4 minuti per lato.
E' normale che i nodini in alcuni punti diventino un poco bruciacchiati, questa è la loro caratteristica.
Appena cotti metterli nella salsa e rigirarli per farli insaporire. Sono un ottimo aperitivo.

**********************************************************************************************************************
Ed è ora di mangiare!

Visto dalla mia postazione, questo è il tavolo di sinistra.

Questo il tavolo di destra

E questa è la mia postazione!
Con me ci sono sempre il maschietto del corso (è un medico ^-^!) e la mia assistente Nobuko.

Amici Blogger

Quanti mi vedono

  • Pensieri:
  • Incontri:

-Tempo in Giappone-
Pagine

*** Home ***




Registra il tuo sito nei motori di ricerca Aggregatore Il Bloggatore - Cucina Classifica blog di cucina e ricette Ricette di cucina Top blogs di ricette

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. L'Autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'Autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Alcune delle foto presenti su questo blog sono state reperite in internet: chi ritenesse danneggiati i suoi diritti d'autore puo' contattarmi per chiederne la rimozione