giovedì 6 agosto 2009

Il Castello Svelato

Castello Sant'Angelo di Taranto

Da "Bari la Repubblica.it"
giovedì 06.08.2009 ore 13.28

Tremila anni di storia rivivono tra le mura del castello Sant'Angelo di Taranto. Dal 1492 la fortezza aragonese troneggia sul borgo antico della città. Quei bastioni imponenti hanno assistito a invasioni e battaglie. A saccheggi e distruzioni. Ed ogni epoca ha lasciato traccia nel fortilizio i cui sotterranei giorno dopo giorno regalano un pezzo di storia, raccontando le vicende di una città che nel suo passato scava affannosamente per trovare la forza di rialzarsi. E nel cuore del castello Aragonese da sei anni quotidianamente lavora alacremente una task force voluta dalla Marina Militare. A guidarla è l'ammiraglio Francesco Ricci, sino al 2007 comandante in capo del dipartimento dello Ionio e del Canale d'Otranto. Da due anni è in pensione e su mandato della Marina ha adottato quella fortezza costruita su un banco di roccia dal quale sembra scrutare con sguardo austero il ponte girevole e il canale navigabile che separa la zona nuova da quella vecchia.
L'ammiraglio sin dal 2003 ha avviato un lavoro di recupero del castello che ancora oggi ha funzioni di presidio militare. Ha ordinato scavi e restauri, spianando la strada all'apertura al pubblico. Picconata dopo picconata sono cadute tonnellate di cemento e intonaco che nei secoli hanno invaso corridoi e segrete, nascondendo i tesori del castello.
Così l'antica configurazione aragonese ha ripreso vita. Sono tornate alla luce gallerie e camminamenti, in passato riempite di terra per stabilizzare la fortezza. Sono state scoperte feritoie, caditoie, camminamenti e casematte dove sono stati riposizionati i grossi pezzi di artiglieria.
Il terreno ha regalato le maggiori sorprese. Da anni gli uomini dell'ammiraglio Ricci sono affiancati dagli archeologi dell'Università di Bari e della Soprintendenza. Quel plotone di esperti ha affondato le mani nelle stratificazioni plurisecolari riportando alla luce frammenti e reperti che raccontato Taranto sin dalle sue origini.
"Il castello - spiega l'ammiraglio Ricci - è un monumento di straordinario interesse. Gli scavi hanno evidenziato i resti della fortezza svevo angioina sulla quale venne edificato l'attuale struttura. Ma abbiamo trovato tracce anche del castrum bizantino e frammenti risalenti al IV e V secolo A. C. ".
Nell'area del castello delimitata da quattro dei cinque torrioni originari, sono state scovate testimonianze di vita quotidiana di ogni epoca. Nel cuore della fortezza, proprio sotto la cappella di San Leonardo è stato rinvenuto il frammento di un vaso votivo. Una iscrizione ha rivelato che era un oggetto dedicato alla dea Artemide Orthia, divinità venerata a Sparta. Il reperto conferma da un lato l'origine spartana di Taranto, ma anche che la chiesetta venne realizzata in epoca cristiana in una zona già destinata al culto in epoca greca. Nelle stanze segrete svelate dagli scavi sono state rinvenute 90 monete, in larga parte spagnole, ma anche di epoca romana e bizantina.
Tra queste anche tre piccole monete di rame coniate nel 1500 dalla repubblica di Venezia. Quelle monetine sono ciò che resta del passaggio delle galere veneziane prima della battaglia di Lepanto. Tutti i reperti oggi sono esposti nel castello.
"Riportare alla luce questi tesori per noi della Marina significa continuare a servire il nostro paese" - confessa con un pizzico di emozione l'ammiraglio Ricci che in sei anni ha portato a termine il restauro del 50% del castello. Da quando il monumento è stato aperto al pubblico già 83.000 persone hanno visitato la fortezza.
Il programma allestito dalla Marina prevede visite guidate di un'ora e mezza. I turisti fruiscono gratuitamente delle guide e per 90 minuti possono tuffarsi nei tremila anni di storia che grondano dalle spesse mura del castello Aragonese di Taranto.



Finalmente posto qualcosa sulla mia Taranto.
Ho approfittato dell'articolo di "Bari la Repubblica.it" trovato nel web.
Due anni fa, a settembre del 2007, con un gruppo di amici giapponesi abbiamo visitato il castello Sant´Angelo di Taranto (noi lo chiamiamo Castello Aragonese) ed abbiamo usufruito della visita guidata gratuita. E' stata un'esperienza molto bella.
Queste foto le ha scattate Yukiko, una delle amiche giapponesi.

5 commenti:

  1. Che bell'articolo hai postato!
    Davvero interessante...fa venir voglia di visitare questa antica fortezza, un "tesoro" che finalmente è stato valorizzato al meglio!
    ..e che magnifico lavoro hanno fatto l'Ammiraglio Ricci e la Marina!

    Grazie Anna!

    RispondiElimina
  2. ma sai che è bellissimo? una volta l'ho visto in un documentario ma non ricordo quale trasmissine fosse (forse sereno variabile).
    mi piacerebbe tanto visitarlo, magari un giorno chi sà...

    RispondiElimina
  3. @Mela
    Mi ha fatto molto piacere leggere quell'articolo, e per non perderlo l'ho conservato qui.
    E` molto interessante visitarlo.
    Grazie carissima!
    Baci!

    @Betty
    Grazie Betty, sono contenta che ti abbia colpito, vale la pena fare un giretto.
    E poi le persone addette alle visite sono molto gentili e disponibilissimi.
    Baci!

    RispondiElimina
  4. La mia prossima destinazione!!!!
    P.S. ho provato a postarmi un messaggio sul blog e ci sonoo riuscita...ma a te da errore?

    RispondiElimina
  5. Eleonora.... Vai a Taranto!!!!!!!!!
    Che differenza!!!! Mi dispiace!!!
    Meglio la Spagna!!! Tieni conto che Taranto è la mia città di nascita!
    .................
    Non mi dà la possibilità di inviare il messaggio, dopo aver inserito la parola di controllo non compare più la casella con invia messaggio!
    Ma riprovo ancora!
    Baci!

    RispondiElimina

Grazie per la vostra attenzione. Ogni messaggio è una parte di ponte che si costruisce, facciamolo diventare robusto usando parole costruttive. Arigatou-gozaimasu!

Amici Blogger

Quanti mi vedono

  • Pensieri:
  • Incontri:

-Tempo in Giappone-
Pagine

*** Home ***




Registra il tuo sito nei motori di ricerca Aggregatore Il Bloggatore - Cucina Classifica blog di cucina e ricette Ricette di cucina Top blogs di ricette

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. L'Autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'Autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Alcune delle foto presenti su questo blog sono state reperite in internet: chi ritenesse danneggiati i suoi diritti d'autore puo' contattarmi per chiederne la rimozione