venerdì 31 ottobre 2008

Insalatona o grande macedonia?

L'altra sera avevo voglia di cibi light
ed ho assemblato quello che c'era nel frigo.
Il risultato è questo

abbinato a questi

Contenuto:
Insalatona o grande macedonia
melanzane
tofu
cladodi (pala di ficodindia)
cavolo verza
sedano
carote
asparagi
cetrioli
ciliege
arancia

condito da:
succo d'arancia e yogurt magro

Ghiacciolini melone + menta

Non so decidere se considerarla una insalatona oppure
una grande macedonia con ghiacciolini di succo di melone

Ho proceduto in questo modo:
Ho preso un cladodi (pala di ficodindia) molto tenero,
l'ho pulito dalle spine e lavato bene.
Fatto a pezzi e lasciato in infusione con limone ed acqua per un'ora circa.
Poi l'ho fatto bollire per 2-3 minuti e l'ho messo a scolare.
Ho tagliato il tofu e fatto bollire 2-3 minuti, che poi ho fatto sgocciolare.

Nel frattempo ho passato al setaccio del melone ed ho riempito
con la sua polpa e delle foglioline di menta alcune formine.
Ed ho realizzato questi ghiacciolini.
Ho tagliato a listarelle sottili il cavolo verza, la buccia di limone e gli asparagi.
Con una formina a fiore ho tagliato le carote e i cetrioli.
Ho diviso a metà le ciliege ed a spicchi una fetta di arancia.
Ho messo tutto in una coppa, ho spremuta metà arancia
ed ho unito il succo a tre cucchiai di yogurt magro.
Ed è tutto!

A questo punto ho pensato "Che buona!!!!
Ne lascio un po' per domani", ma ormai era finita.
Avrei potuto lasciare un pezzo di ghiacciolino,
ma l'indomani non avrei trovato più niente, ed allora ho finito tutto.
Ottima cena!!!!

Con questa ricetta sono felice di partecipare alla raccolta "Salads" ideata da Susina di Pasticci e deliri di una strega in cucina

2008 anno del TOPO

Il primo gennaio 2008, la prima cosa che abbiamo fatto
(cosa che facciamo ogni primo giorno dell'anno)
e` stato vedere nella buca delle lettere: sono arrivate NENGAJOU
(cartoline d'augurio di Buon Anno)
Ebbene, si`!
Vengono consegnate proprio il giorno di Capodanno!
Eccole
da vicino
C'e` scritto: 明けましておめでとうございます
(Akemashite omedetou gozaimasu)
(tradotto in italiano) Buon Anno Nuovo

Koinobori (Festa dei bambini)

5/5 鯉幟 (5 maggio Koinobori)

Il 5 maggio, in Giappone, è il giorno della Festa dei bambini ed il suo simbolo più coreografico sono appunto i"Koinobori" (manicotti di stoffa a forma di carpe), questi condensano tutte le valenze simboliche della festa, celebrata come augurio di energia fisica e spirituale, oltre che di crescita e successo sociale.

Koi (carpa) nobori (salire)Questo è il significato di Koinobori:Le carpe, per la loro capacità di risalire i torrenti ed anche le cascate, sono considerati i pesci più forti e coraggiosi.Proprio come si vorrebbe che crescessero i propri figli maschi.

Questa festa è legata aduna vecchia leggenda cinese, (ancora molto sentita in Giappone) chedice che le carpe risalgono i torrenti per diventare draghi

In ogni casa in cui ci sia un figlio maschio, si cerca di issare su lunghi pennoni questo simbolo.Lo si può mettere nel giardino, sui tetti ed anche sui balconi.



Pennone con koinobori, nel giardino dei miei vicini di casa


Stesso Kainobori visto da un altro lato


Koinobori in un campo


Koinobori in un giardino
Koinobori che libra nell'aria


I dolci che si mangiano in questo giorno di festa sono i "Kashiwa mochi" (mochi bianco o con matcha ripieno di anko ed avvolto in una foglia di quercia)

Seijinshiki

Cerimonia della maggiore età in Giappone


In Giappone, il secondo lunedì di gennaio è il giorno della cerimonia della maggiore età. Questa cerimonia può variare da posto a posto.I giovani che nell'anno precedente hanno compiuto 20 anni (in Giappone si diventa maggiorenni a 20 anni) partecipano ad una cerimonia organizzata dal comune del posto di residenza.Le ragazze indossano il kimono "furisode" cioé con le maniche lunghe che simboleggia la gioventù e lo stato di nubilato, mentre i ragazzi vestono all'occidentale oppure indossano il kimono scuro o "hakama" (lunga sottana).Come si può notare indossano vestiti da adulti, dato che lo sono diventati, e possono sia bere che fumare, (prima dei 20 anni è vietato), votare, ecc.L'origine di questa cerimonia risale al 1948.


Scusate la parte B ma il fiocco di "Obi" (cintura del kimono) è da vedere


Giovani in movimento


In posa per una foto



I maschi sono meno belli


Verso la hall della cerimonia


Anche il lato A è da vedere


Bellissima ventenne intenta a telefonare


Continuiamo con i fiocchi di "Obi", veramente dei capolavori


Ancora "Obi", notare giù quanti giovani ci sono (erano 16 mila e rotti)


Bellissimo ed artistico


Anche loro meritano di essere viste


Loro un po' meno, ma ........
Tra questi giovani c'era anche mia figlia ventenne.

Hinamatsuri (La festa delle bambine)

3/3 ひな祭り (3 marzo Hinamatsuri)

Il 3 marzo in Giappone si festeggia Hinamatsuri (3/3 ひな祭り)La festa delle bambine.
Nelle case in cui ci sono delle bambine, dal 3 febbraio al 3 marzo, vengono esposte queste bambole. Ma questo periodo cambia da posto a posto, per esempio a Fukuoka si espongono dal 3 febbraio al 3 aprile.


La storia narra questo:I nobili dell’epoca Heian (Periodo della storia del Giappone che va dal 794 al 1185 e prende il nome dalla città di Heiankyo (oggi Kyoto) costruivano delle bambole di carta (hina-nagashi), questo per evitare sacrifici umani, e le facevano portare via dalla corrente dei fiumi o dal mare e pregavano affinché non ci fossero malattie e disastri.

Quelle bambole in seguito sono diventate più elaborate e alle bambole ohina-sama, che rappresenta la principessa, si sono aggiunti odairi-sama (il principe), le sannin-kanjo, i gonin-bayashi , ecc.Inoltre fanno parte del set di ohina-sama altri ornamenti, e si dispone il tutto su di un piedistallo a forma di scala che puo` essere di 3, 5 o 7 scalini:i principi sul primo ripianole sanni-kanjo (tre damigelle di corte) sul secondo,i gonin-bayashi (cinque musici di corte) sul terzo. Sugli altri ripiani ci sono: daijin (due ministri, gli inservienti della principessa, il suo corredo di mobili ed arredi e degli alberi in fiore di pesco e d'arancio, tutto in miniatura.
Fra la zona di Kanto (Tokyo) e quella di Kansai (Kyoto) c’è differenza di posizione dei principi, a Kyoto il principe è sulla sinistra della principessa.
In genere queste bambole vengono tramandate da madre in figlia e di generazione in generazione.
Per esporre il tutto serve molto spazio che non sempre c'è, per questo in molte case ci sono solo i principi.
Queste sono di mia figlia

Una diceria popolare enuncia che le bambole devono essere riposte il giorno dopo la scadenza in uso nel luogo, altrimenti la figlia faticherà a sposarsi. Ma è stato riscontrato che questa diceria è senza fondamento.

Ci sono delle bevande e dei dolci speciali che si offrono ai principi:shirozake (sake analcolico), hishi-mochi, sakuramochi e ecc.

Queste sono delle mele con sulla buccia il disegno dei principi.Un caloroso ringraziamento a Asako, Michina, Misako e Yukiko che dopo varie ricerche hanno scoperto delle cose sconosciute a molti e mi hanno dato la possibilita` di approfondire il mio sapere su questo evento.

Tamagoyaki

La preparazione di tamagoyaki (frittata giapponese)
può variare da famiglia a famiglia.
Si può fare con dashi (brodo) oppure con latte.
Tamagoyaki con erba cipollina,
da mangiare sorseggiando una birra freschissima!!!
Ingredienti ed attrezzatura
2 uova
1 cucchiaino di zucchero
1/2 cucchiaino di sale
1 cucchiaio di latte o di dashi
erbe aromatiche
olio di semi q.b.
padella quadrata antiaderente
Unire alle uova zucchero, sale e latte (o dashi).
Mescolare leggermente (non deve essere amalgamato bene)
e, se piacciono, unire erbe aromatiche.
Riscaldare la padella con un velo di olio di semi.
Togliere con un po' di carta cucina l'olio in eccedenza.
Versarci il composto e, appena tende ad addensarsi,
arrotolare tamagoyaki con l'aiuto di una spatola.
Se si usa dentro makizushi, tagliarlo nel senso della lunghezza,
unire alle verdure e procedere come spiegato qui.


Con questa ricetta partecipo alla raccolta di Federica di "Note di Cioccolato"

Makizushi (sushi arrotolato)

Nella cucina giapponese il riso ne fa da padrone.
Lo si mangia in tantisimi modi: onigiri, osushi, makizushi, ecc.
Ecco due tipi di makizushi
con asparagi, tamagoyaki e insalata.
con cetriolo, tamagoyaki e insalata.

Ingredienti
150 gr di riso giapponese
alga nori quadrata q.b.
30 ml di aceto di riso
1 cucchiaio di zucchero
poco sale
poco wasabi (è molto piccante!)
Unire l'aceto, zucchero e sale e versarlo sul riso appena cotto.
Mescolando, farlo raffreddare velocemente usando un ventaglio.
Stendere il riso raffreddato su un foglio di alga nori,
mettere al centro un poco di wasabi
(senza esagerare, ha un sapore molto forte)
e adagiarvi sopra tamagoyaki (la frittata)
a listarelle e le verdure che piaciono.
Con l'aiuto di una stuoietta, arrotolare makizushi e
quindi, tagliarlo in pezzi da 2,5 cm circa.
Va mangiato intinto nella salsa di soya con una puntina di wasabi.


Con una parte di riso ho fatto questo sushi
con filetti di ricci freschissimi.
*****

Green peas nougat (Torrone di piselli)

Un dolce sfiziosissimo e semplice da realizzare
Ingredienti & preparazione
Per due persone
50 gr di piselli freschi sgusciati
30 gr in tutto tra nocciole, noci, ciliege secche,
buccia d'arancia tagliata a listarelle q.b.
4 cucchiai di zucchero
3 cucchiai di succo di limone

Lavare ed asciugare i piselli sgranati,
passarli per 4 minuti nel microonde a 600W

Mettere lo zucchero ed il succo del limone nella pentola e
far andare a fuoco lento, con spargifiamma,
fino a quando si asciuga il limone.
Aggiungere i piselli e tutti gli altri ingredienti
e far cuocere per 5-6 minuti.
Versare sul tagliere e lavorare
con una spatola per far intiepidire.
Diventerà un composto abbastanza malleabile.
Dividere in due porzioni e servire.
Semplice, no!!

Amici Blogger

Quanti mi vedono

  • Pensieri:
  • Incontri:

-Tempo in Giappone-
Pagine

*** Home ***




Registra il tuo sito nei motori di ricerca Aggregatore Il Bloggatore - Cucina Classifica blog di cucina e ricette Ricette di cucina Top blogs di ricette

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. L'Autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'Autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Alcune delle foto presenti su questo blog sono state reperite in internet: chi ritenesse danneggiati i suoi diritti d'autore puo' contattarmi per chiederne la rimozione